Blog

In Australia in 500

È camminando senza meta tra le strade e stradine di Amritsar che vedo una scena che mi sorprende e mi fa esclamare un lungo “Noooo…”.
C'è una Cinquecento parcheggiata nei pressi di una rotonda, da Milano fino all'Australia: un invito alla curiosità, quasi il mio viaggio a ritroso.
Due viaggiatori dell'impossibile, lui grande grosso e rosso, lei occhi a mandorla e un bel sorriso: se esplorate il loro sito scoprirete che un bel giorno hanno detto “ora basta” e sono partiti all'avventura.
Parliamo per un po' (io per qualche strana ragione fatico ad articolare le parole e sembro mezzo demente, ma riusciamo a capirci comunque) di visti, di passaggi di frontiera, di regole, di sotterfugi, di strade, di percorsi e ci lasciamo con un mutuale in bocca al lupo: di fronte al mio fallimento pakistano gli auguro che possano vincere la burocrazia cinese per poter continuare senza dover imbarcare la macchina su un qualche battello. Incrociamo le dita e… buon vento!
(E sul loro sito vedo un altro bel link che incomincio a seguire e che vi consiglio. Davvero, non sono solo)

Amritsar, era destino

click here to share
5 responses to In Australia in 500
  1. usadifranciRDD says:

    ahahahah…mitici!

    seguiamoli!! ^^

  2. anonimo says:

    WOW…veramente non sei solo…ma quanti pazzi stupendi ci siete in questo mondo???!!!
    besos
    M

  3. anonimo says:

    ma chi il fratello di matteone ?ahahaha
    spettacolo!

  4. anonimo says:

    io a essere sincera l'avrei fatto in van…in memoria dei miei viaggi per l'australia…

  5. anonimo says:

    ma il tipo dentro, tra l'atro, è Caparezza?? o tu quando non ti tagli i capelli?? lol