Blog

Le foto che avrei voluto fare ieri

Le foto che avrei voluto fare ieri
Sotto un cielo plumbeo che minaccia pioggia e altri arresti mi aggiro per Aleppo cercando di scattare le foto che avrei voluto fare ieri. È una passeggiata alla ricerca di immagini veramente molle e dopo aver fotografato un discreto numero di donne che porta voluminosi sacchetti sulla testa (ma non tutte portano così la propria spesa, non lasciatevi ingannare dalle immagini) e qualche uomo dal bell'uniciglio (nota bene: nelle Mille e una notte, l'uniciglio viene descritto come simbolo di grande bellezza) decido che è arrivato il tempo di cambiare orizzonti: nel freddo di oggi mi dirigo verso la stazione degli autobus e dopo aver passato un'ora in compagnia di un libro di Terzani, lasciatomi in eredità da Luca, mi dirigo verso Hama.

Le foto che avrei voluto fare ieriLe foto che avrei voluto fare ieri

Le foto che avrei voluto fare ieriLe foto che avrei voluto fare ieriLe foto che avrei voluto fare ieriLe foto che avrei voluto fare ieriLe foto che avrei voluto fare ieriLe foto che avrei voluto fare ieriLe foto che avrei voluto fare ieriLe foto che avrei voluto fare ieriLe foto che avrei voluto fare ieriLe foto che avrei voluto fare ieri

(Dalle foto avrete capito che: fa freddo, ogni tanto pioveva (bonus a chi trova la foto con la goccia sull'obbiettivo), che la gente stende il pane nei posti più assurdi dopo averlo comprato (?), che forse è da troppo tempo che non vedo una donna).
(Quello che invece non potete capire dalle foto è che tutti i camioncini quando inseriscono la retromarcia fanno partire la musichetta della Lambada per avvisare i pedoni (ciao Luca)).

(Oggi mi sentivo anche in vena di parentesi).

click here to share
6 responses to Le foto che avrei voluto fare ieri
  1. Aleh93 says:

    davvero belle e sopratutto interessanti le tue foto 8D

  2. usadifranciRDD says:

    ma che lo stendono a fare il pane?? illuminami!

  3. anonimo says:

    Quella con l'uomo che regge i giornali.

    Oggi vado a perdermi un pò anche io 🙂

    Marte

  4. roggie says:

    Molto bella la foto della moschea: grandangolare direi di qualità, minareto verticale e distorsione periferica quasi nulla.
    La dinamica delle persone in movimento mi trasmette una sensazione di "fuga" verso il futuro, personalissima ovviamente.
    Ciao, F.

  5. anonimo says:

    Ma Aleppo, è dove hanno inventato il sapone?

  6. andlosethenameofaction says:

    @Aleh: grazie e in bocca al lupo per la Canon.
    @Franci: certo che anche tu fai delle domande stupide a volte! 
    @Marte: l'uomo coi giornali aveva decisamente freddo. Aveva le scarpe.
    @Roggie: lente ok 🙂
    @Chiara: non so se l'hanno inventato qui… boh! però hanno sapone ovunque! All'oliva!
    @Franci: non lo so! forse per asciugarlo: l'altro giorno mi sono finto uno dei loro e ne ho comprato un po' anch'io ma non l'ho steso, l'ho messo in un sacchetto e mi sono incamminato: arrivato a destinazione era tutto molle e bagnato. Ergo: la prossima volta stendere il pane!